Nuove sostanze

Adoperando una formula sintetica diremmo che dall'idea di "spazio organo" si sta passando a una concezione di "spazio sistema". [...]
Nel sentire degli anni Venti e della Nuova Oggettività si perseguiva un rapporto diretto tra uno spazio quindi un "organo spaziale" e la sua funzione (con un significato, dato a questo termine, associabile a quello della medicina tradizionale in cui si sostiene che a un organo è legata appunto una "determinata" mansione.) Ecco perché il centro era lo spazio interno, l'idea dello spazio interno come motore dell'architettura. Ora è proprio questa idea che si è di fatto modificata, e molto arricchita. È permeata con forza in questi ultimi dieci-quindici anni una concezione spaziale che ha come motore un'idea concertata di interno-esterno che fa dello spazio pubblico un elemento altrettanto fondamentale dell'architettura. A volte abbiamo parlato di vuotometrico: l'architettura è fatta di concerto con lo spazio che conforma, la vita interna si travasa con naturalezza in quella esterna.
 
SAGGIO, "New Substances; Information Technology and the renewal of Architecture" in "Il Progetto" #6, january 2000 pp. 32-35
 
Immaginare l'architettura come paesaggio, come parte integrante della sua realtà ambientale va oltre il concepirla in un contesto, essa stessa diviene contesto. L'idea di architettura oggetto si stà liquefacendo e scomparendo attraverso le ricerche dell'immateriale di Kengo Kuma, o dell'architettura ipogea di Perrault o ancora le trasparenze di Nouvelle. Il rapporto tra esterno e interno non è più implosivo o esplosivo bensì simultaneo. Ottenere questa simultaneità significa accettare una sfocatura tra le realtà che è tanto più efficace quanto il punto di margine tra natura e artefatto diventa indistinguibile Lo spazio pubblico è lo spazio degli eventi; questa idea è presente nel Manimal di Van Berkel, un morphing tra un uomo-un serpente-un leone, una chimera che possiede la propria coerenza interna ma al tempo stesso è possibile percepire le radici genetiche ma ogni volta che si crede di poter afferrare la fisionomia di una di queste creaure subito l'occhio scivola trovando caratteristiche appartenenti a un'altra.
 
 
Appunti ed approfondimenti basate sulle lezioni del corso ITCAAD 2014 prof. Antonino Saggio